Salvatore De Meo
Seleziona una pagina

Il 27 maggio 2020 la Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, ha presentato il Next Generation UE, una proposta di ripresa dell’Europa in risposta alle gravi conseguenze della pandemia COVID-19 e alla necessità di una rapida ripresa economica. Si tratta di un nuovo patto per l’UE e rappresenta una proposta molto ambiziosa che va nella direzione richiesta dal Parlamento il quale, in quanto rappresentante dei cittadini europei, deve essere ascoltato per rispondere a questa crisi in maniera coraggiosa e ambiziosa. In cifre, si parla di 750 miliardi di cui 500 a fondo perduto e 250 di sovvenzioni a carico dell’Unione Europea. A questi si aggiungono 1100 miliardi nel nuovo bilancio UE che dovrà necessariamente prevedere nuove e proprie entrate europee, prima fra tutte quelle sui servizi digitali. Tra le proposte presentate dalla Commissione europea e le misure già operative, la potenza di fuoco della strategia anticrisi messa in campo dall’Europa supera i 3.000 miliardi di euro. Certamente è una proposta che ci permette di vedere il futuro con più positività, ma che adesso deve essere coraggiosamente sostenuta nel Consiglio Europeo dove, mi auguro, alcuni Paesi non vogliano continuare a guardare solo a se stessi, ma sappiano, anzi, dimostrare responsabilità e spirito unitario mettendo da parte un egoismo che non ha ragione di esistere. Stiamo vivendo un momento storico che purtroppo è destinato ad essere ricordato, ma il 27 maggio 2020 potrebbe essere ricordato come una data altrettanto storica per la rinascita dell’Europa. La Presidente von der Leyen è stata chiara: “Siamo tutti sulla stessa barca e possiamo affrontare questa fase solo restando insieme”. L’Italia ha una grande opportunità che deve assolutamente sfruttare. Con il Next Generation UE, all’Italia andranno in totale 172,7 miliardi di euro (81,8 a fondo perduto e 90,9 in prestiti). Mi auguro che il Governo italiano non si faccia trovare impreparato, ma che proceda subito, anche con il coinvolgimento di Forza Italia, a programmare una strategia di utilizzo affinché queste risorse rimettano in moto l’economia reale delle imprese e delle famiglie italiane.

EnglishItaliano