Salvatore De Meo
Seleziona una pagina

Il 25 novembre è stata la giornata internazionale dedicata alla sensibilizzazione contro la violenza sulle donne. Ogni giorno purtroppo leggiamo ancora di donne violate, umiliate, vittime di femminicidi, di discriminazioni, di soprusi, di violenze inaccettabili a volte proprio all'interno delle mura domestiche dove dovrebbero sentirsi più protette. A queste donne è stata privata la libertà di essere tali e tutto questo non può essere più consentito. La disuguaglianza di genere ancora persiste in tutto il mondo e raggiungere l’uguaglianza e l’emancipazione femminile richiederà sforzi più vigorosi per contrastare una discriminazione basata sul genere, profondamente radicata, spesso derivante da atteggiamenti patriarcali e dalle norme sociali obsolete. L’Europa, così come l’Italia, ha intrapreso una serie di iniziative per promuovere la protezione delle donne contro la violenza approvando la Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica approvata dal Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa il 7 aprile 2011. Una delle maggiori sfide agli sforzi per prevenire e porre fine alla violenza contro le donne in tutto il mondo è la mancanza di finanziamenti. C’è bisogno di una maggiore sensibilità e di sempre più iniziative volte a prevenire e porre fine a queste violenze. Non possiamo limitarci ad una sola giornata finché ogni giorno ci saranno donne vittime di uomini e derubate dei loro diritti umani. Ho voluto coinvolgere in questa giornata due donne da sempre in prima linea nella lotta contro la violenza: l’avv. Diana Palomba, presidente di Féminin Pluriel Italia, network internazionale femminile nato in Francia nel 1992, e la dott.ssa Roberta Beolchi, presidente Associazione Edela a tutela degli orfani delle vittime di femminicidio. Con loro ho registrato un video, presente nei miei social, in cui proviamo a sensibilizzare verso questo enorme problema sociale ed a raccontare ciò che c’è intorno a tali violenze, soprattutto nei bambini vittime inconsapevoli ed innocenti anche essi di femminicidi.

LINK PER VISUALIZZARE VIDEO:  https://fb.watch/27mjmGRlgt/ 

EnglishItaliano