Salvatore De Meo
Seleziona una pagina

Una delle sfide maggiori che attende l’Unione Europea sta nella rivoluzione digitale, ma dobbiamo prendere atto che c’è una carenza di infrastrutture digitali in molte regioni europee e questo renderà difficile raggiungere in modo uniforme gli obiettivi prefissati. Molte aree rurali o montane di tutti gli Stati membri faticano a stare al passo con gli sviluppi delle nuove tecnologie. Sono molto preoccupato che nonostante i fondi del nuovo Quadro Finanziario Pluriennale, la mancanza di infrastrutture e la mancanza di competenze tecniche di alcune realtà locali possa aumentare il divario già consistente tra regioni europee e non permetterà uguali capacità di investimenti nel settore digitale. Non possiamo permettere che ci sia una transizione digitale che corra a velocità diverse tra i vari stati e dobbiamo fare molta attenzione alle aree più svantaggiate. Durante la riunione della Commissione ITRE (Industria, Ricerca e Energia) ho chiesto quindi alla Vicepresidente Margrethe Vestager come la Commissione intende far sì che la transizione digitale coinvolga tutta l’Unione Europea nel suo insieme e garantisca che il divario tecnologico non penalizzi ulteriormente le aree periferiche, rurali e montane.

EnglishItaliano