On. Salvatore De Meo
Seleziona una pagina

Diciotto mesi dopo la fuga della Catalent (era andata via ad aprile 2022) la Sanofi sceglie di restare. E anzi di raddoppiare. Non solo: di investire in un territorio come quello di Anagni e del nord Ciociaria che evidentemente può offrire ancora molto alle prospettive di sviluppo della zona. Sta tutto qui il senso dell’inaugurazione del nuovo reparto, avvenuta in mattinata nella filiale anagnina della multinazionale farmaceutica.

Un reparto costato 37 milioni di euro; soldi messi anche dalla Regione Lazio che era presente con la vice presidente Roberta Angelilli. E dal governo nazionale, presente con il ministro della salute Orazio Schillaci.

Un nuovo reparto

L’inaugurazione del reparto Liofilizzazione

Quei soldi sono serviti per realizzare un nuovo impianto per la liofilizzazione. Ovvero, per il procedimento che serve a togliere i liquidi dalle sostanze farmaceutiche. Un procedimento che, di fatto, serve a favorire la conservazione e la sterilitĂ  dei prodotti. Un modo per migliorare la produzione in sicurezza delle medicine.

E non si tratta (con tutto il rispetto) di aspirine o supposte. La Sanofi, da tempo, ha scelto di andare verso il biotech e le medicine di ultima generazione. Con ricerche come quelle che sono servite nei giorni della pandemia per realizzare un vaccino anti covid. Un vaccino che ha consentito, anche con l’impegno dei tecnici anagnini, di andare oltre una pandemia che sembrava irrimediabile. I farmaci biotecnologici oggi sono in prima linea contro tumori e malattie rare. Un nuovo corso reso possibile proprio grazie anche alla strada aperta dai vaccini contro il Covid, basati sugli anticorpi monoclonali.

Di tutto questo si è parlato durante l’inaugurazione. Che è stata inserita nella celebrazione dei 50 anni dello stabilimento ad Anagni. Una festa che ha visto, tra gli altri, il ministro della Salute Orazio Schillaci e il vice presidente della regione Lazio Roberta Angelilli. Il primo ha sottolineato come spendere “in ricerca sia il miglior investimento. Per rispondere ai cambiamenti intervenuti, essere al passo con le innovazioni ed affrontare le sfide che ci attendono, dobbiamo guardare con favore anche alla sinergia tra tutti gli attori coinvolti nell’ambito farmaceutico. La finalitĂ  è quella di condividere conoscenze, risorse e competenze per promuovere la scoperta e la disponibilitĂ  di nuovi farmaci che consentono di ridurre la mortalitĂ , migliorare la qualitĂ  di vita delle persone e consentire significativi risparmi al Servizio Sanitario Nazionale”.

La seconda ha puntato soprattutto sulla necessitĂ  di fare rete e di potenziare quella di Anagni e le altre realtĂ  farmaceutiche della provincia e della Regione Lazio. “La celebrazione dei 50 anni dello stabilimento Sanofi di Anagni rappresenta per il nostro territorio un traguardo importante. Il settore farmaceutico e biomedicale è un elemento chiave dell’ecosistema produttivo laziale: nel 2022 con 12,7 miliardi di export, il Lazio si è confermato prima regione nel Paese per valore delle esportazioni di prodotti farmaceutici. Come Regione Lazio intendiamo sostenere queste realtĂ  e facilitarne la permanenza sul territorio attraverso il sostegno alle politiche di investimento e lo snellimento burocratico. Insieme possiamo affrontare le sfide e i processi di trasformazione che il futuro chiede; innovazione, ricerca e competitivitĂ  saranno sempre i pilastri delle nostre politiche industriali.”