Salvatore De Meo
Seleziona una pagina

Roma, 19 mag. (askanews) – “La crisi pandemica, le problematiche dovute al clima, la guerra in Ucraina con le sue conseguenze su forniture energetiche e materie prime hanno reso più vulnerabile e fragile il sistema alimentare delle persone e tutti i settori correlati ad esso”: lo dichiara l’eurodeputato Salvatore De Meo (Membro della Commissione agricoltura e sviluppo rurale).
“L’Italia è uno dei Paesi che più di tutti sta subendo ripercussioni a livello economico per l’aumento dei prezzi di energia elettrica, mangimi e combustibili. Per questo motivo – continua De Meo – la Commissione europea ha previsto un sostegno di 1,2 miliardi alle imprese italiane dei settori agricolo, forestale, della pesca e dell’acquacoltura interessate da questi aumenti. I sostegni arriveranno sotto forma di sovvenzioni dirette, agevolazioni fiscali o di pagamento, anticipi rimborsabili o riduzione, ma anche esenzione dal pagamento dei contributi previdenziali. Un segnale importante che conferma come solo un’Europa unita e coesa sia in grado di essere forte e resiliente nei momenti di crisi come quello attuale. In ogni caso – dichiara ancora l’Onorevole – credo che i sistemi agroalimentari, alla luce dell’attuale quadro geopolitico, vadano aiutati a superare le tante criticità legate ad una recessione sempre più crescente con una rimodulazione delle diverse strategie di sostenibilità che, pur essendo pienamente condivisibili, necessitano di avere una declinazione pragmatica e reale per essere realizzate e non restare, solo, una bella teoria. L’Europa si è data obiettivi strategici molto ambiziosi, ma non può trascurare le difficoltà da affrontare per poterli raggiungere ed è per questo – conclude l’On. De Meo – che Forza Italia a Bruxelles chiede di procedere con prudenza e senso pratico per evitare di voler accelerare ad ogni costo e disperdere, invece, il lavoro finora fatto e quello da farsi con i sacrifici di imprese e famiglie”. Agr

EnglishItaliano