Salvatore De Meo
Seleziona una pagina

Il Parlamento europeo nella plenaria di novembre ha approvato la proposta di revisione dei Trattati presentata dalla Commissione Affari Costituzionali da me presieduta.
Si tratta di un risultato importante e rappresenta una grande opportunità per riflettere sull’importanza dell’Europa, sulle sue potenzialità e sulle sue criticità. È l’inizio di un percorso complesso e sicuramente tortuoso ma può essere l’inizio di una pagina importante della storia della nostra istituzione e dell’Ue. I cittadini lo hanno chiesto a gran voce ed il Parlamento ha ascoltato e agito: serve un’Unione europea diversa, un’Europa che abbia gli strumenti per reagire alle crisi con determinazione, che sia forza di unione, non di divisione e che sia un luogo dove ciascuno Stato membro possa prosperare da un punto di vista sociale, economico e culturale senza essere schiacciato da rigide regole economiche ormai datate.
Per raggiungere questo obiettivo però è necessario un cambiamento e questo cambiamento deve esserci adesso. L’integrazione europea è un percorso a tappe che ormai è fermo da troppo tempo, da quel Trattato di Lisbona del 2007 che necessita oggi di essere rilanciato con forza e convinzione.
La nostra proposta di revisione offre tanti spunti per una discussione sul futuro dell’Europa a partire dalla necessità di rafforzare la nostra democrazia attraverso il riconoscimento di iniziativa legislativa del Parlamento europeo e del ruolo di co-legislatore sul bilancio. Dobbiamo anche guardare però al ruolo dell’Ue sulla scena internazionale e accrescere la nostra credibilità come attore mondiale tramite, ad esempio, una Comunità Europea della Difesa.
La proposta del Parlamento adesso passa all’esame del Consiglio e spero che gli Stati Membri abbiano il coraggio di intraprendere mettendo da parte pregiudizi e nazionalismi che non vanno confusi con le identità nazionali e che trovano proprio nell’Europa il loro riconoscimento e punto di forza.